Loading...

Parità sul lavoro: in Italia e Europa le donne sottopagate rispetto agli uomini

lavoro donna sottopagatoChe il mondo del lavoro, terribile in Italia, fosse ancora più duro nei confronti delle donne, era in realtà un sospetto che avevano in molti. Ora a confermare una situazione che è un completo disastro, soprattutto sul piano retributivo, è una ricerca dell’Osservatorio di JobPricing, che avvisa al contempo che si tratta solo di una media.

Si, una media, perché in alcuni settori, come quello finanziario, lo scarto tra i compensi ottenuti da colleghi uomini e donne si allarga, fino a raggiungere punte del 30%.

Una situazione contro la quale ha provato a battersi, in vano in realtà, il ministero delle Pari Opportunità, che pur predicando ormai da anni nei confronti dei datori di lavoro, non è ancora riuscito ad offrire una soluzione di tipo legislativo per arginare questo annoso problema.

Le donne guadagnano meno, ovunque

Il problema in questione non riguarda alcuni settori specifici del mercato del lavoro, ma è diffuso per ogni tipo di mansione, grado, e ruolo ricoperto. Si tratta infatti di un problema trasversale, una vera e propria caratteristica dei mercati del lavoro di ieri e di oggi.

Meglio degli altri paesi europei

Quello che è però altrettanto interessante da rilevare è che l’Italia si comporta particolarmente bene se paragonata ai partner europei. In UE lo scarto tra stipendi per gli uomini e per le donne è il 4^ più basso, dietro a Slovenia, Malta e Polonia. Un piccolo successo che però non deve trarre in inganno e che soprattutto non deve spingere ad abbassare la guardia verso un fenomeno, quello del gender gap, che continua a discriminare uomini e donne sul posto di lavoro.

 

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Curriculumvitaeeuropeo.net è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons