Loading...

Pellerano: “Rinnovare i centri per l’impiego – fallimento totale”

centri impiegoI centri per l’impiego italiani, quelli gestiti, per capirci, dallo Stato, sono solo una pallida imitazione dei ben più funzionali omologhi tedeschi. Se ne è accorto finalmente anche qualcuno dalle nostre parti: Lorenzo Pellerano, giovane consigliere regionale ligure, che ha chiesto, e sarebbe anche l’ora, di spendere meglio i 27 miliardi che la regione spende per il collocamento.

Un collocamento che, diciamocelo, non vale un ventesimo di quello tedesco, perché i numeri che porta Pellerano al centro della discussione sono ineludibili: in Germania l’88% delle aziende riesce a trovare impiegati e operai attraverso i centri, contro il 2% scarso in Italia.

Quarantaquattro volte di meno a parità di spesa: un paragone che farebbe impallidire anche il più convinto ultras della bontà delle politiche nostrane. Le aziende non si rivolgono ai centri, e un motivo ce l’avrebbero anche, dato che solo il 2.9% nel 2013 è riuscito a trovare un impiego.

Ripartire dal modello tedesco

Certo poco potrà un semplice consigliere regionale, per quanto possa spingere sull’allocazione dei fondi di competenza della regione Liguria. Quello di cui si ha bisogno è che si interessi qualcuno dalle parti di Roma, nella speranza che il governo che si è da poco insediato sia capace di dare risposte… teutoniche.

Germania: un modello che funziona

L’intero mercato del lavoro tedesco ruota intorno al centro per l’impiego gestito dallo stato. È qui che l’88% delle aziende vanno a pescare, con profitto, quando si tratta di assumere. Ed è qui che i lavoratori, una volta perso il lavoro, si rivolgono per trovarne un altro.

Un centro nevralgico del mondo del lavoro, che ha però non solo benefici, ma anche obblighi per il disoccupato: non si possono rifiutare offerte ripetutamente se provenienti dai centro per l’impiego, pena la perdita dei benefici di disoccupazione. Un sistema contro i furbi, che potrebbe funzionare non solo a Berlino, ma anche a Roma.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Curriculumvitaeeuropeo.net è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons